Un Nido Per Volare...

Nel 1864 dopo la proclamazione dell’unità d’Italia, a Canegrate venne organizzato il Comune ed istituito l’Ufficio Anagrafico che prima non esisteva, le nascite e le morti in precedenza erano registrate in parrocchia.

In quegli stessi anni, nella zona dell’alto Milanese, si sviluppò l’industria tessile e molte donne trovarono impiego nelle filande e questo portò di conseguenza il problema dell’assistenza ai bambini, lasciati soli per strada.  Accoglierli ed accudirli in una struttura protetta, il Sig. Giuseppe Gajo, nato e domiciliato a Canegrate, con testamento redatto il 20 luglio 1890, lasciò al Comune di Canegrate la somma di circa £ 8.000 ed un terreno di tremila metri quadrati, “da tagliare dal terreno detto il Varè in guisa che tutta la parte verso la strada di Legnano e questo per la costruzione del fabbricato ad uso dell’Asilo Infantile con annesso giardino”.

Il 5 ottobre 1890 il Consiglio Comunale di Canegrate, accetta il lascito dal fu Giuseppe Gajo a favore del Comune per l’istituzione di un Asilo Infantile.
Il 10 settembre 1891 il Consiglio Comunale, tramite delibera, decise di nominare una Commissione Provvisoria per l’Asilo, composta dal M. R. Parroco Don Cesare Maria Besesti ed altre 8 personalità del paese, con il compito di raccogliere offerte per la costruzione dell’Asilo.

L’iniziativa portò a ricavar un’offerta in denaro e derrate alimentari per una somma di 500 ₤ . Inoltre, nel marzo 1897, la Commissione Provvisoria dell’Asilo apriva una sottoscrizione pubblica per reperire i fondi mancanti per la costruzione e i cittadini che vi aderirono s’impegnarono a versare annualmente per tre anni 3 ₤ , in seguito aumentate a 5 ₤, chiedendo però in cambio l’impegno alle Autorità competenti di far erigere l’Asilo ad Ente Morale Autonomo.

La sottoscrizione fruttò la cospicua somma di 3.885,88 ₤. Il 3 aprile 1897 il Consiglio Provinciale Sanitario approvò il progetto di costruzione dell’Asilo redatto dall’Ing. Luigi Prandoni. Il 28 aprile 1897 la Giunta Provinciale Amministrativa negava il parere favorevole per la costruzione del fabbricato ritenendo insufficienti i mezzi.

Il 15 maggio 1897 la Giunta Municipale di Canegrate dimostrava di avere mezzi sufficienti, in quanto la somma mancante per la costruzione dell’Asilo era stata raccolta con le offerte della popolazione, pertanto il Comune disponeva di un capitale composto da: lasciti, interessi ed offerte di privati per una somma 16.455,29 ₤.

Il 13 febbraio 1898, il Consiglio Comunale di Canegrate acquisì l’autorizzazione della Giunta provinciale per la costruzione dell’Asilo. Il 25 settembre 1898, l’esecutore testamentario Sig. Antonio Gajo consegnava al Comune di Canegrate il fabbricato eretto e venne inaugurato l’Asilo. Il fabbricato aveva una pianta a L e si componeva di 3 spaziose aule, portico interno e vasto giardino. 2 aule davano sull’attuale Via Manzoni (allora Via Umberto I°) ed 1 sulla Via Cottolengo (allora Via XXVIII ottobre) dove era ubicato anche l’ingresso.

1898 – NASCE L’ASILO INFANTILE
Il 25 ottobre 1898, il Consiglio Comunale nominò una Commissione Provvisoria per la conduzione dell’Asilo, mentre l’assistenza ai bambini fu affidata ad alcune Signore, molto probabilmente delle volontarie. Con queste caratteristiche l’asilo entrò in esercizio e funzionò in questo modo fino allo scoppio della prima guerra mondiale nel 1915, restando poi inattivo durante il periodo bellico.

Dopo la fine della guerra, il 3 maggio 1919 il Consiglio Comunale di Canegrate deliberò di far riprendere l’attività dell’Asilo e nominò Presidente del Consiglio Provvisorio, per la durata di un triennio, Don Angelo Peruzzotti Parroco di Canegrate, in sostituzione di Don Cesare Maria Besesti insieme ad altre 16 personalità dell’epoca, per rimettere in funzione l’Asilo infantile chiuso da alcuni anni e dando agli stessi piena facoltà di adattamento e sistemazione dei locali dell’Asilo.

Il Presidente ed il Consiglio accettarono l’incarico a condizione che l’Asilo fosse autonomo, retto da un’Amministrazione non soggetta alle vicende politiche che si succedono in Comune (siamo nel turbolente periodo post bellico). Allo scopo di rimettere in funzione l’Asilo infantile, nel mese di settembre del 1919 Don Angelo Peruzzotti nella sua veste di Presidente dell’Asilo Infantile di Canegrate, inviò un telegramma alla Piccola Casa Della Divina Provvidenza (Istituto Cottolengo) di Torino chiedendo di mandare alcune suore per l’Asilo e la Scuola Comunale di Canegrate.

Il 16 novembre 1919 la Madre Generale comunicò a Don Peruzzotti quanto segue:“Mi è grato ora significarle che la Piccola Casa manderà costì le Suore il giorno 27 corrente mese partendo da Torino col I° treno. Speriamo che con la Benedizione della Divina Provvidenza ed il caritatevole appoggio di V. S. Rev.mo che possono riuscire al compimento di un po’ di bene ed in questa fiducia, ringraziandola in anticipo di quanto la S.V. Rev.mo si compiacerà fare in loro spirituale vantaggio. Le porgo i miei rispettosi ossequi e mi professo”. Della S.V. Rev.ma Devota nel Signore G.B. Ribero.

Dopo quest’ultima lettera, arrivarono a Canegrate 4 Suore, di cui conosciamo solo nome e cognome di battesimo e provenienza: Suora Superiora Locatelli Chiara fu Lodovico, nata a Valdobbiadene il 29 gennaio 1861, Suora Assistente Nava Rosa di Carlo, nata a Cabiate il 22 ottobre 1895, Suora Assistente Radice Celestina di Cesare, nata a Bollate il 27 giugno 1895, Suora Assistente Parisotto Teresa di Michele, nata a Morano il 30 Settembre 1888.

Da allora le Suore del Cottolengo sono state una preziosa presenza di cui ha beneficiato la scuola dell’infanzia e l’intera comunità di Canegrate e anche i comuni limitrofi di di Legnano, San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona, Parabiago.

E’ possibile leggere tutto ciò ed altro ancora direttamente sul testo cartaceo “Un nido per volare…Canegrate 1890-2010  120 di Storia”, disponibile presso la segreteria della Scuola.

 

Galleria Fotografica